Poesia in dialetto maceratese: “Lu pallò vistu da Peppe”

Print Friendly, PDF & Email

“Ieri a la partita so’ rmastu meravijatu”. / Dice Peppe ad Antò. “Scì, un carciatore / co’ un carciu lu pallò te l’ha ‘nfilatu, / tirènne quillu che s’è ditto un rigore,

in un vusciu de più metri ch’è la porta / e, a la fine, tre punti a issu j’ha dato. / A unu che, co’ ‘na sventola mpò storta, / è statu cuscì vrau che t’ha centrato

un palittu de tre cintimetri soltanto… / non j’ha porbio, porbio dato gnente. / Antò, io de pallo’ non ne capiscio tanto / ma ‘ssu fattu adè daéro… sorprendente!”

Cisirino

5 giugno 2020

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti