Versi snelli del poeta maceratese Totó Fusari: “Corona”

Print Friendly, PDF & Email

Dumilavvéndi d’anni fa, / unu, latinamende Jesus dittu, / senz’èsse’ titulatu / su ‘stu munnu, / che ‘ppure l’îa criàtu, / sinza pussidimendi / sinza armamendi / né fissa dimora, / ‘n do’ jjava / d’amore colorava / quello che toccava / e rdàva / la vita / che la morte rubbava: / re fu proclamatu / sinza quatrì / ‘ngoronatu de spì / crucifissatu, murì / pé’ lo male guarì. / Ppó risuscitatu / ‘n célo salì.

Nel dumilavvéndi d’adesso / ‘nu scunusciutu / Virus chjamatu / de corona cerchjatu / che non perdona / che strozza / che ‘mmazza / se spanne più granne, / de piandi colora / case ‘ddolora / se ‘ngarugnisce / se speranze fiurisce; / corona de morte / adè la sua corte: / divide, separa / ‘nzème ‘n fa sta’ / ‘ttappata la vocca / fèrme le mà / a cchji lu tocca, je tocca.

Ma… / ‘stu Virus / corona / perderà / pe’ ll’orèmus / e la forza / dell’umanità.

Totó Fusari

6 luglio 2020

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti