L’affare Ircr si complica, irregolare la nomina della De Gaetano: scoperta su FB

Print Friendly, PDF & Email

Afferma il portavoce della Lega Macerata, Andrea Marchiori, a fronte di una vicenda inquietante: “Ecco cosa ci aspetta dal sistema di potere instaurato dal PD a Macerata: pervasività della politica e delibere farlocche. Il CdA dell’IRCR, che amministra centinaia di migliaia di euro su delega del Comune, si rivela una mostruosità amministrativa ed esemplare. La Lega chiede al sindaco Carancini e al presidente Centioni di fornire spiegazioni immediate e le immediate dimissioni della consigliera IRCR De Gaetano”.

I fatti:la Lega ha stigmatizzato come inopportunala nomina di un nuovo membro del CdA Ircr, avvenuta in sostituzione dell’avv. Borroni a una settimana dalle elezioni e ben due anni dopo le sue dimissioni. Il segretario Di Pietro e la nominata Sonia De Gaetano si sono affrettati ad accusare la Lega di sciacallaggio politico giustificandosi con la gratuità dell’incarico.

Oggi la stessa De Gaetano conferma che la Lega aveva più che ragione perché molti sono i punti oscuri in questa vicenda, emblematici del modus operandi del PD. In base a quanto scrive la stessa De Gaetano:

1 – Il Decreto del Sindaco n. 8 del 07-09-2020 certifica il falso: c’è scritto che la nominaviene effettuata in sostituzione della dimissionaria Borroni mentre la De Gaetano puntualizza di non sostituire “una dimissione di due anni fa”, ma di essere stata chiamata “da Centioni (presidente CdA IRCR), non dal sindaco e non Ricotta, perché si stavano dimettendo dei consiglieri che si dovevano candidare”;

2 – la nuova nominata De Gaetano puntualizza di non essere il responsabile comunicazione di Ricotta, ma una dirigente del PD.

3 – i consiglieri le cui dimissioni avrebbero reso urgentissima la nomina della De Gaetano, pena la decadenza del CdA, si sono tutti candidati con Ricotta, ma nella sezione amministrazione trasparente dell’IRCR risultano ancora in carica;

4 – stante quanto dichiarato dalla De Gaetano, il sindaco Carancini delegando Centioni è contro le regole: avrebbe dovuto nominare direttamente la De Gaetano e anche i sostituti degli altri consiglieri dimissionari;

5 – il presidente Centioni nominando la nuova consigliera si è prestato a una scorrettezza amministrativa? Si perché non ha facoltà di nomina.

18 settembre 2020

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti