Versi in dialetto ricchi di sentimento: “La preghiera d’una matre pe’ lu fiju sordatu”

Print Friendly, PDF & Email

Madonna mia, anchi tu ci aìsti un figliu, / e per issu suffristi gran dolore: / ‘ché lu tinìi come se tène un jigliu, / come se tè’ ‘na rosa su lu còre.

Vòrgi benigna lu maternu cigliu / su mì figliu sordatu, che edè un fiore: / fa che nisciù gli torcia mai un capigliu / fa che sèrva la Patria con onore.

Addè sta su li monti, drento a grotte… / scrìe che sta bè’: sarrà buscìa pietosa? / Io non repuso mai, né dì né notte.

Oh, ‘scòrda, ‘scòrda ‘na preghera pia! / Se aèsse da succedegli ‘che cósa, / fa’ murì prima a me, Madonna mia!

Giovanni Cicconi

22 settembre 2020

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti