Macerata, primo Consiglio, prime nomine, primo “dispiacere” per l’opposizione

Print Friendly, PDF & Email

Dopo venti anni situazione rovesciata nella Sala consiliare del Comune di Macerata, con i personaggi del centro destra maceratese in maggior numero rispetto a quelli del centro sinistra, quindi si procederà  con ruoli invertiti rispetto al passato.

Eletti Presidente e Vice presidente del Consiglio – Con la convalida dei consiglieri eletti nella tornata delle elezioni amministrative del 20 e 21 settembre scorso,  ha preso il via la seduta di insediamento del nuovo Consiglio comunale. I lavori del Consiglio sono proseguiti con le votazioni a scrutinio segreto relative alla nomine del presidente e  vice  presidente del Consiglio. Con 30 voti favorevoli Francesco Luciani della Lega (già vice presidente nella precedente consiliatura) è stato eletto presidente dell’assise comunale mentre la vice presidenza è andata al consigliere del Pd Maurizio Del Gobbo.

Il giuramento del Sindaco – A seguire il sindaco Sandro Parcaroli, dopo aver dato comunicazione della composizione della Giunta, ha prestato giuramento e ha così commentato: “È  per me un grande onore e  una fortissima emozione assumere con questo giuramento il  ruolo di sindaco  di Macerata, per il quale fin da subito garantisco impegno e assoluta dedizione. Sono orgoglioso della fiducia che i cittadini hanno deciso di riporre nella mia persona e nel mio programma politico-amministrativo ma, allo stesso tempo, sono perfettamente consapevole di quali grandi responsabilità questo ruolo mi investe, compiti che cercherò di assolvere con piena onestà politica e intellettuale”.

Squadra forte e porte aperte a dialogo e ascolto –  Riferendosi alla nuova Amministrazione ha detto: “Sono onorato di guidare una squadra forte, qualificata e capace di affrontare sfide inedite. Una formazione premiata dal voto popolare nella direzione del cambiamento, una scelta significativa che deve stimolarci, tutti insieme, nel percorso illustrato durante la campagna elettorale. Le porte del Comune saranno sempre aperte, io sarò pronto ad ascoltare tutti i cittadini e le realtà municipali, senza riserve, senza pregiudizi, senza alcuna remora, perché  si compia un confronto vero e diretto, uno scambio necessario di consigli, idee e riflessioni”.

Le parole ai dipendenti –  Ringraziando la struttura comunale Parcaroli ha affermato: “Dobbiamo camminare insieme, con la ferma consapevolezza che lo scopo ‘comune’ è quello di realizzare il meglio per la nostra città e con la piena collaborazione di tutti i dipendenti, auspicando che possa essere ogni giorno più puntuale generosa. La mia attenzione sarà rivolta a quelle che considero le tematiche fondamentali per il bene della Città, che sono state e che vanno affrontate ognuna nella propria unicità”.

Avanti con forza e umiltà – Ha concluso il sindaco Sandro Parcaroli: “L’umiltà è stato il motore propulsore di tutta la mia vita, la forza di crederci senza mai sentirmi arrivato, di condurre un progetto con costanza e con tenacia, calandomi dentro ogni situazione con atteggiamento di servizio e con la forza della condivisione. Avrò bisogno dell’aiuto di tutti, delle vostre qualità. A voi, come a me stesso, chiedo di accettare sfide ambiziose, con competenza e passione. Sono un uomo che con questi presupposti ha fatto di un sogno una grande realtà. Oggi, da sindaco, voglio fare dei miei sogni il futuro di questa Città”.

Le prime nomine – Il Consiglio comunale, subito dopo,  ha nominato i componenti della Commissione elettorale che sono Marco Bravi (Fratelli d’Italia), Giovanni Pianesi (Lega Salvini) e Ulderico Orazi (Italia viva). Supplenti Paola Pippa e Laura Orazi (Lega Salvini) e Alessandro Marcolini (Pd). Sono stati nominati anche i componenti della commissione per l’aggiornamento degli elenchi comunali dei giudici popolari Lorella Benedetti (Fratelli d’Italia)  e Ninfa Contigiani (Pd).

Il primo “dispiacere” per l’opposizione – Respinto infine un ordine del giorno presentato dal Pd, primo firmatario Andrea Perticarari, e sostenuto da altri gruppi di minoranza con cui si invitava l’Amministrazione a pubblicizzare e promuovere l’App Immuni tramite i canali ufficiali del Comune.

13 ottobre 2020

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti