Li cojerò cuscì co’ la dorgezza / comme lu contadì coje li frutti… “L’anni che verrà”

Print Friendly, PDF & Email

L’anni che verrà, io ce lo saccio / a mme non porterà la vèlla nòa / ma solo ‘n tembu, tembu che passa / pe’ vvive co’ lo tristo e vvive ancora.

Me lascerà li sogni ‘ppassionati, / la nostargìa de le persone care / e la voce de chj s’è jitu via / che rtorna e rtorna sempre ‘guale.

E tte chiama, tte vòle, tte mintùa / co’ l’occhji de ‘na notte sinza funnu, / comme ‘na matre cerca la cratura.

L’anni che verrà, scìa vélli o vrutti / li cojerò cuscì co’ la dorgezza / comme lu contadì còje li frutti.

Mariella Marsiglia

18 novembre 2020

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti