Le ingiustizie sociali c’è pur chi le denuncia… in rime dialettali: “La pinzió”

Print Friendly, PDF & Email

La pinzió fuette, addietro, ‘nventata / pé’ dà a chi avìa ‘na vita faticato / la justa ricompensa, vène carcolata, / pè continuà a campà in modu adeguato.

Mó ci sta tanti pinzionati, pòra jente, / che te pijia ‘na modesta pinsionaccia, / quarche centinaiu d’euri solamente / e a campacce non se sa se come faccia.

Immece, su st’Italia, daéro sbalestrata, / ci sta cristià de li livelli arti, privilegiati / che d’euri de pinziò pijia ‘na carettata. / Ottantamila ne porta a casa sti sfacciati.

Vuà me direte: “E ‘n gorbu che frecata! / ‘ssa faccenna è daéro da condannasse”. / Certo, adè ‘na cosa porbio sprocedata. / E la justizia? – È ghita a nabbuscasse!

Cesare (Cisirino) Angeletti

8 gennaio 2021

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti