Da Giac, umorista maceratese, i versi dialettali sul… pungente personaggio “Bruno”

Print Friendly, PDF & Email

Ce sta ‘n’insettu pallusu e petulante / che ‘gni tanto svolazza in qua e là / libbri ne scrìe, le pagine adè tante, / e se ‘ncumenza, chi lo pò’ fermà. / È pretenziusu, l’aspettu è…mbruno e jallo / chiude ‘na porta – a la sera – eppó la rrapre. / Che fetico ce vòle a sopportallo! / E nuatri de jétro comme capre. / ‘Pprufitta de la RAI, de li canali / pe ‘ntrufolasse a raccontà li fatti, / sulu per issu adè sensazionali, / ma de certo da sulu no’ l’ha scritti.

Pe’slongà quessa manfrina / se presenta a Uno matina. / Da Amadeus, là verso sera / va a cantà la tiritera. / E cuscì se ‘ttròa da Fazio / e ‘rcumenza co’ ‘sso strazio. / La domenneca da Mara / che nne sai quante ne spara.

Co’ zompà de palu in frasca / tanti picciuli se ‘ntasca, / a la faccia dell’utente / che sta lì e non pò’ fa / gnente…

Adesso che a lo Meteo adè sbarcatu / tra piogghia, neve, frane e ventu / (se de la pandemìa se n’è frecatu) / d’avé’vinnuto li libbri adè contentu.

Giac

5 febbraio 2021

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti