Su la soffitta, tra la polvere, / sapissi ch’agghjo rtroàto… “Rfaccio lo Presepio”

Print Friendly, PDF & Email

Su la soffitta, tra la polvere, / sapissi ch’agghjo rtroàto! / Li pupi de lo presepio, / de lo tempo mia che dè fugghiato. / San Juseppe oddre che la varba, / ci-ha anghe la tonnaca vianga, / me pare più ‘nvecchiato,  / nzaccherato, / chedè stato tra la fanga? / La Madonna co’ llo viso sembre dorge, / sta co’ lle mà’ piegate, / tutti ‘ss’anni edè rimasta zitta, / quande pene arrà condàte? / Lo vò ci-ha le corna ‘m po’ scorzate, / lo muso menzo sgrugnàto, / pe’ tutto ‘sso tembo senza paja, / ndo’ s’edè strusciàto? / Lo somaro ci-ha le recchie ‘mpo’ sbassate, / de marró’ n’è rmasto pòco, / non sarrà che j’ha fatto male / che n’ha ‘ùto lo callo de lo fòco? / Drendo ‘ssa cesta do’smuscino e sgarufo, / quanno che su lo più vèllo, / scappa lo pupo più ‘mportante: / vène fòra lo Bambinello! / Ecco la vellutina, du’ casette, la stella… / Nasce Gesù, l’anima mia diventa più bella!

Nonno Vingè

12 febbraio 2021

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti