Gianni Crucianelli, splendida persona, da ricordare con una sua poesia dialettale: “Te sì ‘ccortu?”

Print Friendly, PDF & Email

Gianni Crucianelli, maceratese doc, infermiere, corista, persona dotata di una infinita carica umana, sempre pronto ad alleviare le sofferenze altrui… non sapevamo scrivesse poesie in dialetto… ne abbiamo trovata una davvero bella e l’abbiamo pubblicata sul nostro mensile “La rucola” e ora ve la proponiamo sul nostro sito, per ricordarlo a mesi dalla sua dipartita.  

“Te sì ‘ccortu?” di Gianni Crucianelli

‘Na foja che casca / lu tembu che passa. / Lo callo adè finitu / lo friddo adè sinditu.

La neve che casca / la tèra ce ‘mbasta. / Li mondi se ‘nfiocc / lu mare vorvòtta.

A Natà’ ce simo / un Bimbu Divinu / ce nasce vicinu. / Ce vussa a la porta / l’amore ce porta.

A quandi lu vòle / je rembie lu còre / de fede e d’amore. / Lo friddo lo callo / lo niro e lo viango / sparisce d’engando.

Mmó vivi lu tembu / e statte condendu.

27 febbraio 2021

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti