Siamo di nuovo tornati in rosso… e allora a questo punto… “Mèjo a ride che a piagne”

Print Friendly, PDF & Email

Essa: “Me sa che me fidanzo co’ l’arbiru de Natà”. Issu: “Come sarìa a dì’?”. Essa: “Armino me metto co’ unu… co’ le palle!”

È cuscì bassu che quanno piòe è l’urdimu a sapéllo.

Tra amiche. “Maritimu non è capace a gnende”. – “Lu mia, se non fossi io, non sarìa capace manco… a èsse curnutu”.

“Quala adè la rivista più letta tra li condannati a morte?” – “Grazia”.

Essa: “Amó’, dimme ‘na frase ‘nfocata!”. Issu: “Pòzzi… ffiaràtte”.

“Mamma mia quanto fa friddo in America” – “Per forza… è stata scoperta”.

Prima notte de nozze. Essa scappa da lu vagnu e a lo scuro sussurra a lu maritu: “Amore, stò sinza mutanne…” . Issu: “Non cumingiamo… co’ lo spènne”.

“Ho cunusciuto un giapponese che ci-ha ‘n zaccu de fiji”. – “Comme se chiama?” – “Hatù… Nonusai”.

Da vardasciu colleziono l’òe” – “E do’ le tinìi?” – “Nell’albume…”.

Pe’ li purgandi ci sta l’imbarazzu… de la sciòrda.

Issu: “Dimme che sì angora vergine!” Essa: “Te lo juro… su li fiji”.

Me domanno: “Che vita fa lu maritu de la gazza?” – “‘Na vita… der gazzo”.

Che disse Garivardi dopo la cunguista de le due Sicilie?” – “Grazie… mille”.

“Pronto, ci sta Marì?” – “No’ lo so… non ci-ho proàto mai”.

“Ch’adè lu scolapasta?” – “Adè ‘n’invenzió’… che fa acqua da tutte le parti”.

A scòla. “Pierino, cosa sai dirmi sulla spinta di Archimede?” – “Da quello che m’è stato ditto… ha ‘ngumingiato issu”.

“Come sta l’aperitivu?” – “Tira a… Campari”.

“Perché mmólli la machinetta da scrìe co’ l’alcole? Devi scrìe ‘na lettera… spiritosa?”

“Che ci-ha la rosa che sta ‘rrabbiàta guasta?” – “Se rtròa tande spine ma non ci-ha… manco ‘na presa”.

“Perché ‘r diàulu deve pagà’ la tassa su lo lusso?” – “Veste… Prada”.

“Ho visto lu porcu tua tandu malingonicu” – “Ha saputo che la matre… adè ‘na lècca”.

Essa: “Amó, certe ‘òrde te sento vicino, certe atre lomdano”. Issu: “…fatte ‘n cellulare più bónu”.

“Perché asseme a lu Viagra ce piji pure Xanax?” – “Cuscì se faccio cilecca… non me ne freca gnente”.

L’astronauta, a lu ristorante, chjede lu cuntu… a la rovescia?

“Dottó’, mojema adè vionna, io moru e fijumu adè scappatu rusciu. Comme mai?” – “Ogni quanto facete l’amore?” – “Scì e no ‘na ‘òrda l’annu”. – “Tranguillu… adè ruggine”.

“L’Italia è dovendata ‘n semafuru” – “E perché?” – “Regioni arancione, rosce…” – “Peccato non ce da’ mai via libbera… co’ lo verde!”

Mario Monachesi

14 marzo 2021

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti