Poesia dialettale di Mario Affede che racconta come la morale affogò… “Ar mare!”

Print Friendly, PDF & Email

Va’ gghjó ‘ssi pòrti, va’ per le marine, / se vò’ vedé’ ‘na vèlla mestecanza / de gamme tutte nude, tòste, pìne; / de robba grossa comme ‘na paranza;

de ‘nforcature senza mutanne, / co’ ‘na fascetta che de póco ‘vvanza / quella che porta tutte l’Avissine / e ‘mmanda scìne e nòne la sostanza!

Un po’ più ‘n zù, du’ tegamelle scure, / sustinute ‘gniduna da u’ straccale, / cròpe li porta-pranzi a le cràture.

Tutto ‘sso nudo fa strillà’ a la jènde / che dice scruprulita: “E la morale?” / …Porétta! J’ha pijàto un accidende!

Mario Affede

29 agosto 2021

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti