Mi moje a la tivvù s’è ‘mpennecata / e sta a léttu, da ‘m-bézzu, lu… “La nottataccia”

Print Friendly, PDF & Email

Dopo avé’ fadigato ‘na jornata / che c’è de mejo che de jì a durmì? / Mi moje a la tivvù s’è ‘mpennecata / e sta a léttu, da ‘m-bézzu, lu frichì!

Dico a mojama: “Ciao, vaco a corgàmme”. / Cuscì straccu, me ‘ddòrmo come ‘n cioccu. / Ma quella, dopo ‘n-ora vè a svejàmme: / “La spesa per domà! Non ci’ò ‘n bajoccu”.

“Te pijèsse lo vè! Dimmelo prima! / E po’ lo sai, sta dendro lu commò! / Basta uprì lu cassittu che sta ‘n-gima!” / Ma che voli durmì! Dopo ‘m-moccó:

“Hi portato de fòra la monnezza?” / “Lo facimo domà, e statte zitta!” / Quanno vié a lettu ma fa ‘na carezza, / stuta la luce e dorme fitta fitta…

Con um-mracciu me sta sopre lu pettu, / li pè ghiacci me sta sopre la panza, / quessa me pija pe’ lu scallaléttu / e de ddurmìsse non ge sta speranza!

A notte fonna, dà ‘na gommitata: / “Svéjete, léstu, ma che ci-hai la nòna? / (Durmìo, che l’una adèra jà passata!) / Non sindi lu telèfenu che sòna?”

M’arzo, e corènno vaco pe’ responne, / me ngippo, ‘ché lu corridó adè scuru, / allo’ scìne me pija le madonne / quanno che vaco a sbatte su lu muru!

 “Pronto!” ‘Na voce dice: “È natu, è natu, / è lu frichittu tua, adè viangu e rosa…”. / (una che ha fatto un nùmmeru sbajàtu!) / E sbotto: “Varda, io non g’endro cosa!

Ci-agghjo ‘na donna sola, ch’è mi moje / me vasta e ‘vvanza avécce ‘na patrona… / quissu ch’è natu, probbio non ce còje, / per me, pol’èsse ‘n-fiju de puzzona!”

Rtornatu a léttu, appena so’ sdrajàtu / mojema fa: “Perché sgagghj cuscì? / Mo lu frichittu piagne, s’è svejàtu! / nànnilu tu ch’ì fatto ‘ssu casì!”

Giovanni Ciurciola

3 ottobre 2021

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti