Le favole di una volta, quelle raccontate dalle nonne ai nipotini… “‘Na scontafàvala”

Print Friendly, PDF & Email

“O no’, nonnetta, méttete a sedé; / dicce ‘na scontafàvala, vé qua”. / “E scìne, ve la vojjo raccontà, / corta corta però!” – “Va vè, va vè”.

 “Sentéte qua. C’era ‘na ‘òta u’ rre, / e ‘na fijja ci-aìa da marità. / Era più rosscia d’u’ mmilugranà, / era più bbianca de la vianca né.

E questa u’ gnornu te sse ‘nnammorò / de ‘n pastorellu dittu Ricciutì. / Je fece ‘na gran festa e lu sposò…”.

“E dopo?” – “Cocchi mì, jétte a durmì”. / “E dopo? …ebbè? no’ la finisci, no’?” / “Quell’atro, fijji mì, non ze pò dì’”.

Vincenzo Belli

10 settembre 2022

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti