Prima e dopo lu pranzu de nozze: ritualità e simbologie della campagna

Print Friendly, PDF & Email

Sopre a lu terzu scalì de la loggetta / la sòcera ricivìa la nòra, seriamente, che statìa per terra e, sirvilmente, / ‘scordàva ma essa non dicìa gnente.

Je dacìa de sale grosso solo tre acinitti / che vulìa dì’ devi usà sempre la mente, / po’ de pà, viango, due o tre pizzitti / che dicìa lo magnà ha da èsse sufficiente.

La terza cosa era la conocchia, lu fusu, / per dijie che a issu sempre, pritu, pritu / duvìa faje stroà, sempre prontu pell’usu, / tutto quello che je sirvìa p’èsse vistitu.

Po’, siccome la matre j’avìa ghià regalato / la collana de coraji e li ‘recchì pennenti, / essa je dacìa ‘na catinina d’oro. Tirminato / lu ritu se java a pranzo co’ tutti li parenti.

La sera li du’ spusitti, a calà de lu sole, / duvia ghì a durmì sopre a lu pajiricciu / fattu de fojie secche e allora, care fijiole, / se se vulìa leà lu justu e véllu capricciu

avrìa fatto sintì la mmasciata che facìa / a tutta quanta la famijia. La nonnetta, / donna ‘struita da la spiriènza, je dicìa: / “ Dopo pranzu, co’ ‘na scusa, sinza fretta,

vai su la camera e, co’ leggeru passu, / co’ un po’ d’acqua tu te dai da fare / e vagni vène, vè le fojie de lu materassu / cuscì dopo potéte fa quello che ve pare.”

‘Stu fattu ha fatto scì che un ghioenottu / quanno vidìa ‘na vèlla e fresca joenottèlla, / je dicìa cuscì, subbeto, tuttu d’un bottu: / “A te caruccia e dolcissima fantella

te farìo dà’ daéro, l’acqua a lu pajiricciu.” / Essa se je piacìa je facìa un vellu visu / se, immece, je facìa fà’ lu nasu ngricciu, / rispunnìa : “Lète da la faccia ssu surrisu

che non me piaci, rifiuto quess’immitu. / Si vruttu e marfattu come n’omo turco / e io per quanto te dai da fa, rimmammitu, / per  te non daco l’acqua a lo granturco!”

Cesare “Cisirino” Angeletti

13 giugno 2024

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti