“La Tóre de Babele” – L’andichi arzènno ‘n cielo su lu sguardu / ‘na voja de toccallu…

Print Friendly, PDF & Email

L’andichi arzènno ‘n cielo su lu sguardu / una voja de toccallu je vinì / però siccome stava lassù ardu / nicissitava ‘na tóre custruì’.

Ingegneri, manovali, muratù / tutti se stroò all’appundamendu / e li piani spiditi java in zù / quasci, quasci a toccà lu firmamendu.

Iddio, ch’èra ‘na sfida la ‘ndinnì; / penzò subbeto a fermà l’operazio’: / fra de loro no’ li fece più ccapì.

L’ordini all’ingondrario s’isiguìa, / non scombarìa la granne cunvuscio’ / piano, pianuccio, tutti jette via.

Tóto Fusari

30 giugno 2024

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti