“Dicerie popolari marchigiane”

Notizie vere curiose divertenti a cura di Claudio Principi   E’ sardata la corènde! Durante una serata tra amici artigiani passata a giocare a sette e mezzo ci fu un violento temporale. Caso volle che mancò la luce quando uno dei presenti, per sottolineare una sballata al gioco, facesse un gran peto. Qualcuno nel buio commentò: “Se ssi furmenatu la …

Leggi

Frasi in casa tra moglie e marito

Nell’intimità della famiglia   Personaggi: Giovà (moglie) Arvà (marito)   “O Arvà… che sarrà de questa pòra Italia nostra? Comme jarrìmo a finì’?” “No’ lo sò Giovà…”. “Ssi pulitici ce chjéde cundinuamende tandi sacrifici… quandi ne duìmo angora da fà’… nuaddri! eh Arvà? E’ ‘na vita che facimo sacrifici! Arméno ‘na orda c’era la fadiga e, se unu stava attendi …

Leggi

Il senso civico: che roba è?

Quale esempio dai genitori ai figli?   Accompagno le figlie a scuola e penso che invece di potenziare i servizi pubblici in questa città si continua a parlare di nuovi parcheggi! Inizia l’avventura: A) primo ostacolo: il “Palace”, qui bisogna fare i conti con quei genitori che non sanno che dopo “Porta Convitto” c’è un parcheggio e i figli potrebbero …

Leggi

La serenata

Una romantica vicenda accaduta pochi giorni fa, a Macerata Domani la sposerà e questa notte le farà la serenata. Lui è un mio parente stretto, lo conosco da una vita, praticamente dalla nascita. Ha bisogno di stemperare la tensione e così facciamo due chiacchiere. La sposa viene da lontano e lui le ha trovato alloggio dietro lo Sferisterio, con vista …

Leggi

Peppe & Gustì

La chjacchjerata delle lenguacce de la verità su fossi, strade, marciapiedi, cimitero e topi di fogna   Peppe: “O Gustì… dimme ‘n bo’, tu ce l’hai lu fossu?” Gustì: “Lu fossu? Che fossu? Io ci-agghjo ‘na fossa… scì, dentro le saccocce che più centesimi ce metto e più rmane sgute!” Peppe: “E no’ scherzà’ sembre! che adè ‘na cosa seria!” …

Leggi

Li focaracci

di Lisà de Lurinzittu Prima a le tradiziò’ ce se guardava e se rispettava per daéro. Se cumingiava la matìna presto a ghj rcojenno su le fraschette, se rpulìa ‘ttunno li pajà’ e se facìa ‘n bellu mucchju ‘m bo’ lontano de casa, su lo laoràto. La sera avanti de la Madonna de menz’agustu, de Sa’ Gnulià’ e della vinuta …

Leggi

Lu core de fra’ Pietro

di Vincenzo Belli   “Oh, cocca vella, va’! do’ te ne vai?” “Va’ va’ fra’ Pietro! vaco a fà du’ panni” “Ma è cose da pijjasse li malanni co stu tempacciu.” “Eppure comme fai?”   “Ma fijete, perdinna, non ce l’ài?” “Gnente fiji, fra’ Pié’: mo edè tant’anni, ma non ze vede manco se li scanni.” “Pazienza, fija mia! non …

Leggi

Lu diputatu

di Giovanni Cicconi Scine, che ‘gnà fà’ ‘ssu diputatu, diascuciu! lo dice su l’affissu che sta ‘n tutti li muri ‘ppiccicatu, ‘n atru brau non se rtròa, cuscì com’issu!   Dice che se per sorte adè vutatu de cose velle ne farrà ‘n abbissu; non sarrà più lu populu spiantatu, e non più magru com’u’ stoccafissu.   Lu vutimo… issu …

Leggi

Lu vecchì’ e lu pretò’

di Antonio Pier Giovanni   U’ ‘njornu (no’ ‘nzapìmo se pperché) davanti a lu pretò’ de Cammirì, fuétte condannatu a mmesi tre lassù de Fiordemonte lu vicchì’. Quarmente je legghiette lo scontà’, se arzò su rrittu e ddesse a lu pretò’: “‘Sta orda drendo me ce manni tu, e la speranza ci ò de rescappà’; ma se te rchiudo io …

Leggi

Lu tresette criticò’

di Enrico Ricciardi Busso! La vita è cara e tutto cresce la Fava, le Cerèscie e li Visélli, nasce sinza fatiga e vvè’ su bélli: cresce la Carne, lo Salato e Pesce; do’ jiarrìmo a ffinì’ se ‘n c’è rripari? Bon giocu: ci-ò tre ddue, mino denari!   Speramo che li nòvi Cunziglieri pozza rrimette a ppostu tande còse, è …

Leggi

Notizie, vere curiose divertenti

 tratte da “Dicerie popolari marchigiane” di Claudio Principi   Il pranzo dello sciancato Montolmo, giorno di mercato, un mendicante sciancato aveva lo stomaco che rognecava (brontolava per la fame) per cui fermò un certo Ciupì chiedendo: “O quill’òmu, me poli dì’ do’ pozzo jì a mmagnà’, ma a spènne ppoco, non più de du’ lire, dico.” Ciupì, premuroso: “Vanne llà da …

Leggi

Nell’intimità della famiglia

Frasi in casa tra moglie e marito   Personaggi: Giovà (moglie) Arvà (marito)   “Sindi che dice ogghj lu giornale, Arvà… li frati frangescani de San Sarvatore a Monde, a Firenze, dopo che per du’ ‘orde, llì l’ardà’ de la chjesa, j’è state rubbate da sopre lu liggìu le vibbie andiche… ‘issi frati ha perso la paciènza e ha misto …

Leggi

Tu a mi fiju non te lu spusi! Chiaro?

Una storia realmente accaduta   In vista del matrimonio, il figlio riempiva i sacchetti con il riso da distribuire ai parenti e agli amici. La madre sbottò: “Io, dentro a ‘ssi sacchitti ce mittirìo li sassi da tirà’ a mojeta!”. Basta questa uscita maligna per capire quale atmosfera potesse regnare in quella casa. La futura suocera non sopportava la futura …

Leggi

Peppe & Gustì

La chjacchjerata delle lenguacce de la verità Peppe: “Bisogna che vaco da l’oculista, non ce veco più bene”. Gustì: “Non ce vidi più bene da vicino o da londano?” Peppe: “Non ce vedo più bene pe’ la strada…”. Gustì: “Pe’ la strada? Come sarrìa a dì’?” Peppe: “Che vedo sbiaditi li segnali per terra… anzi, certi no’ li veco più …

Leggi

La storia de Mènneca e Lardellu

 di Giovanni Ciurciola De soprannome je dice “Lardellu” ardu, adè ardu e adè grossu ‘n frecu, è mbò menghiò’ ma se pò di’ ch’è bellu anghi se ‘n’occhju ce l’ha mbò travécu.   Da tand’anni con Mènneca descore e ammò fra poco se duvrìa spusà’, ma però non ci ha fatto mai l’amore, da ‘mbezzu ‘stu discursu je sta a …

Leggi

Altri tempi

raccolte da Giovanni Ginobili Lo mi’ amore sta ‘n-gima ‘na villa; je mando li saluti de ‘na stella. Con guanda graziétta se li pija!   Non ho troàto ‘n’àrdra condadina più de la mia graziosa e custumàta…. Se la vedèste quanno che camìna, ‘ssoméja a ‘na rijìna ‘ngoronàta! A 1 persona piace questo articolo. Mi piace

Leggi

Pregiudizi, il ragno

di Giuseppe Procaccini Rpuliscénno ‘na stanza te statìa ‘na vecchia serva che tte scuficchiava tunno ‘na cassa donghe se sindìa lu rragnu co’ la mosca che soffiava.   Lu cocu che la vedde che ddacìa ‘na zampata a lu rragnu e lu ‘mmazzava… “Sci fatto – desse – ‘na minghjonerìa perché quillu furtuna ce portava”.   “Tu bbocca donghe dorme …

Leggi

Le foje mesteche

di Lisà de Lurinzittu Jeri so’ ghjtu jò ppe’ lu cambu, adera un bellu pezzu che non ce jào, so’ ghjtu a coje le grispigne e le speràne, du’ bbjtule e du’ cime de rape, du’ piande de rugni e du’ cavulitti; ma vidi ‘m bo’… mango a penzacce c’era anchi du’ piande de smoracce. ‘Na mestecanza ccuscì bbona… addro …

Leggi

Domande indiscrete

di Mario Affede Li fiji, mamma, di’, comme se fa’? Nasce come ghjò ll’ortu la ‘nzalata? O scì ‘n quach’ardru modu, dimme, ma’? …Perché no’ me rispunni? Si stizzata?”   “Me lasci ji? Sta’ zittu ‘n po’ Pasquà!” “O mamma, a Nnina, ma ‘n do’ l’hi troata? Chj tte la dette? Dimmelo, va’ là!” “Ma te la vo’ finì’… l’agghjo …

Leggi

Jìate

di Mariella Marsiglia Jìate a lu mare ‘zzurru, presto jìate, smondate le vellezze der… quatratu: lato A, lato B, linee spezzate che drento pure lu sole c’è ‘bboccatu!   Jìate a lu mare, scì,la Castaè in ballo; sinza pinzieru, tutto comme sembre. Checcosa cambierà? – Ammò fa callo ce pinzirimo scì, ma a settembre.   Ccuscindra mendre voi, signurina, sguazzéte …

Leggi

Una nuova qualità di fichi

Notizie, vere curiose divertenti, tratte da “Dicerie popolari marchigiane” E’ settembre e sull’aia alcune contadine con lu sgranarolu (punteruolo) stanno sgranando a mano il granturco, arriva ll’oà (l’ovaiolo e pollivendolo) che dice: “Bella ‘ssa pianda de fichi, e quandi ne pòrta! Ne pòrta tandi anghi de quella qualità che ppiace a mme” (bella quelle pianta di fichi, e quanti ne …

Leggi

Frasi in casa tra moglie e marito

Nell’intimità della famiglia   Personaggi: Giovà (moglie) Arvà (marito)   “O Giovà, ogghj lu giornale rporta quando guadambia li Cunzi-jeri regionali e tutte le agevolaziò’ che ci-ha… ahò, pare che li sòrdi no’ je manga… anzi, sta probbio vè’!” “Certo Arvà, la vusta paga se la fa da suli… e mica adè stupiti! Sennò’ chj va a fa’ lu puliticu …

Leggi