Peppe & Gustì, l’esodati e la virtualità

La chjacchjerata de le lenguacce de la verità   Peppe: “Sento sempre a dì’ de ‘ssi esodati… ma chi adè? Jende che è ghjta in ferie all’estero?” Gustì: “No, è ‘na parola nòa ‘n po’ vrutta per non dinne una pegghjo…”. Peppe: “Cioè?” Gustì: “ ‘Ngulati!” Peppe: “Puritti! e come sarrìa?” Gustì: “Ci hai presende un mucchiu de stabbio?” Peppe: …

Leggi

Peppe & Gustì e la differenziata

La chjacchjerata de le lenguacce de la verità     Peppe: “Lo sai come funziona la raccorda differenziata?” Gustì: “Certo che lo saccio! Ci sta in giru tandi vuzzichi colorati pe’ lu vetru, la plastica, lo cartò’, li scarti de cucina che sarrìa l’umido, li varattuli de fero e pe’ l’indifferenziato”. Peppe: “Comme se vede che stai de casa a …

Leggi

Peppe & Gustì e la fabbrica de la disoccupaziò’

La chjacchjerata de le lenguacce de la verità     Peppe: “O Gustì, qui jimo sempre pegghjo…”. Gustì: “Che vurrìsti dì’… a che te riferisci?” Peppe: “A lu Governu! O, mejo, a li Governi, tutti quilli che c’ìmo avuto” Gustì: “ ‘Mmazza ‘mmazza è tutti ‘na razza!” Peppe: “Prima, quanno tutti ci-avìa lu postu fissu, o pubblicu o in fabbrica, …

Leggi

Peppe & Gustì

Le lenguacce de la verità su piscina, penali, Monti e cacchj vari     Peppe: “Che palle co’ ‘ssa piscina… e ppo’ non se n’è ‘ccorti che la piscina, e pure grossa, gghjà ce l’ha?” Gustì: “Ma che stai a dì’?” Peppe: “E scì, sta’ a nuotà’ tutti dentro a un mare de mm…!” Gustì: “Comme sarìa?” Peppe: “Ha pijato …

Leggi

Peppe & Gustì

La chjacchjerata de le lenguacce de la verità su la giornata della lentezza     Peppe: “Simo misti porbio male caru amicu mia…”. Gustì: “Adè che ce simo ‘nfiacchiti parecchjo!” Peppe: “Che vurristi dì’?” Gustì: “Vurrìo dì che se prima aìmo resistito a Tre… monti adesso ce sta massacrenno un Monti sulu!” Peppe: “Va vè’… ma non ce buttimo jò …

Leggi

Peppe & Gustì e la née

La chjacchjerata de le lenguacce de la verità   Peppe: “Sindi, adè tre orde de seguitu che fa le bufere de née e qui non se ne pole più!” Gustì: “Scì, va vè’, ma è tembi sua”. Peppe: “Vulìo dì’ che non se ne pole più no de la née, ma de tutte le polemiche condro ‘ssa pora Amministraziò’! E …

Leggi

La chjacchjerata di Peppe e Gustì

Il manifesto m’ha ingannato!   Peppe: “Gustì, se m’è dispiaciuto!” Gustì: “Che t’è successo?” Peppe: “M’ero preparatu tuttu, rvi-stitu co’ lu fracche e lu papijò’, co’ le scarpe de virnice nera co’ lu scroccu e so’ ghjtu al Lauro Rossi…”. Gustì: “Non me di’ che tuttu cuscì vellu e rliccatu… t’ha cacato addosso un picciò’!” Peppe: “Pegghjo Gustì mmia… pegghjo! …

Leggi

Peppe & Gustì

La chjacchjerata delle lenguacce de la verità: parcheggio Rampa Zara     Peppe: “Gustì, ghjmo qua lu caffè, ghjmo a pijàcce ‘n carzolà che ogghj offro io…”. Gustì: “Gorbi! E chj adè morti!” Peppe: “Non è morti gnisciù… adè ch’agghjo saputo ‘na certa nutizia che m’ha fatto tando condendu…”. Gustì: “E che arrài saputo… non se pole sapé’?” Peppe: “E’ …

Leggi

Peppe & Gustì

La chjacchjerata Le lenguacce de la verità   Peppe: “Hi visto che casì’ jò lu Sfiristeriu? Solo lu Scinnicu je la rtène, tutti quill’atri se vòle ritirà, anghj Tonino de Pitinà…”. Gustì: “Sinza bilangiu gnisciù fa lu sgangiu! A volé’ dì’ che non sgangia più un centesimu se, comme se dice, quissi ha ‘mmucchjato ‘n’antru milione de euri de vusciu”. …

Leggi

Peppe & Gustì

La chjacchjerata delle lenguacce de la verità su fossi, strade, marciapiedi, cimitero e topi di fogna   Peppe: “O Gustì… dimme ‘n bo’, tu ce l’hai lu fossu?” Gustì: “Lu fossu? Che fossu? Io ci-agghjo ‘na fossa… scì, dentro le saccocce che più centesimi ce metto e più rmane sgute!” Peppe: “E no’ scherzà’ sembre! che adè ‘na cosa seria!” …

Leggi

Peppe & Gustì

La chjacchjerata delle lenguacce de la verità Peppe: “Bisogna che vaco da l’oculista, non ce veco più bene”. Gustì: “Non ce vidi più bene da vicino o da londano?” Peppe: “Non ce vedo più bene pe’ la strada…”. Gustì: “Pe’ la strada? Come sarrìa a dì’?” Peppe: “Che vedo sbiaditi li segnali per terra… anzi, certi no’ li veco più …

Leggi