La dieta!

di Cisirino   L’artri dice: “Quann’ero picculittu!” Io no’ lo pozzo dì’ che, circa a un annu, me so’ ‘ngrassatu come che ‘n purchittu e quissu adè statu veramente lu dannu.   Da joénottu ‘ncoménzai a fa’ le diete: la ‘nzalata co’ d’ojio appena ‘na goccetta li fenocchi, le carote, ‘na cotta de biete, de pasta quella che rcoje ‘na …

Leggi

Porca paletta!

di Scalabrino   Un tempu jò la Pieve ‘ccanto l’Ete, vivìa don Arvaro, l’arciprete, Antò lu campanaru e sagrestà’ e la serva Viretta de Corfà.   Prete tiratu, che nella cunfissiò’ a postu de la vecchia pinitenza, staccava emmìce ‘na cuntravvinziò’; nella nicissità facìa credenza!   ‘Na vutticella de vì’ cotto stìa su la despenza de la sagristìa, che spisso …

Leggi

Modi di dire

Raccolti da G. Ginobili   Lo vi’, lo pa’ non c’è Nei tempi andati, di miseria, spesso nelle case mancava anche un tozzo di pane e i piccoli, affamati, piangevano. Le mamme, tra scherzo e accoramento, per distrarli cantavano:   Lo vi’ lo pa’ non c’è li frìchi piagne’… Ti prego, o matre pia, de fa’ vinì’ lo pa’ in …

Leggi

La carne è debole

di Angelo Cristallini   ‘Na donna che ‘l marito ‘ncorniciava, dopo avejene messi ‘na carretta, ormai sazia e pentita, non bramava altro che liberasse da la stretta   de lo rimorso, e un giorno col marito volle sfogasse e fa la confessiò e jé disse, con animo pentito, come discorba e giustificaziò:   “La volontà co’ ‘a carne è sempre …

Leggi

‘U dente cariatu

di Giampaolo Ricci   La notte fu tutta ‘na pasciò’ e non troàa ripusu lu purittu pe’ lu dolore che je provocàa un molare cariatu e ormai ‘n disusu. Caminò tutta ‘a notte senza ‘n’attimu de ripusu, maledicènno de vruttu e sovrattuttu quillu tormendu ch’u facìa suffrì come mai prima aìa soffertu. Non c’era versu che putìa troà’ un rimediu …

Leggi

Pudicizia

di Alfonso Leopardi   No, no, non me tocchéte! Oh Dio biatu, Oh Dio, questo ch’adè? che me facéte? Dico de no, dico de no; lasséte! Dico che non se pò, Cristo sagratu!   None, non voglio: scéte un marducatu! Ci sta l’inferno anche per vu’, sapéte? Quanno è perso l’anore… Ve ferméte?… Eppò è vicilia, e allora è più …

Leggi

Li nummiri che vale!

di Cisirino   ‘Gni orda vaco a ghjocà’ la schidina cunvintu de ‘cchjappacce vène. De progetti armanco ‘na jicina su la testa, ‘mpruisati, me vène.   Po’ ppiccio lu tilivisore, guardo li nummiri scappati, pare ceh me se ferma lu core… ma adè tutti quanti sbajati.   ‘Na moje ch’adè ‘n’agnulu custode, li tre fiji ch’adè tre gran tesori, tre …

Leggi

Lu negoziu de Magnì

di Staco Forilemure   Lu negoziu de Magnì c’ha cend’anni e mango pare tutto poli stroà’ llì, cose nòe e cose rare:   cazzarole e cupirchitti, le ciavatte e le solette, li scarpù’ e li ciucchitti, lo sapò’ e le coccette,   li presepi tando vélli, lu ghuinzaju pe’ lu cà’, chiodi, lampade e martélli, preti, mònneche e callà’!   …

Leggi

Rotta rotta ma’

Raccolta da Giovanni Ginobili   Rotta, rotta ma’, e la zamba de lu ca’, e la zamba dell’agnellu, rotta la ma’ de lu fiju véllu, rotta la ma’ de ‘stu monéllu.   Cantilena di una mamma mentre gioca delicatamente con un braccio del bambino     A 1 persona piace questo articolo. Mi piace

Leggi

I contadini di adesso

di Giuseppe Procaccini   Se rvènesse, presempiu, lu villà’, de quilli antichi e cche vvedèsse addè li compagni a la festa a spassegghjà’ e gghj ppe’ le cantine e li caffè…   li vedèsse rvistìti comme va, co’ li purzì’ e ccamiscie de setè, li cappelli de prima qualità e ccerte scarpe fatte per vedé’…   cridi, fratellu, se jarìa …

Leggi

Non portava le mutanne

di Cisirino   Era ‘na donna vèlla, su la trindina, co’ ‘n corpu che parìa scurpitu. ‘Nzomma, ‘na po’ po’ de signurina che ‘gni occhju d’omu avrìa curpitu.   Ma su de essa c’era ‘na dicirìa e, sotto sotto, lo discorre è granne, l’atre donne, mormorenne, dicìa… che essa non portava le mutanne!   Un ghjornu ‘na commà’ più sfacciata …

Leggi

Lu cannò

  Quilli de la Pénna, che statìa sempre in guerra co’ quilli de lu Guardu, saputo che era statu ‘mmendatu lu cannò, je pijia la vòjia de fallu, pe’ vègne ‘a guerra. Ditto e fatto: pijja un sammucu, lu rpulisce perbène, lu tègne de niro, lu prepara e lu carca; tutti rradunati èllo vicino pe’ gustasse mèjjo la scena… e …

Leggi

Li cazzulù de la Pénna

di Mario de Rongò   Se dicìa per provèrbiu a chj facìa ‘na cosa sbajata pensènne de èsse bràu e bbirbu tando: “Si probbio comme li cazzulù de la Pénna!” E se cuminciàva a rraccontà, rridènno, una dopo ‘n’atra, quélle scandafaole, ‘ngumingènne da quella che se rrecconfrondava de più co’ quella scemenza che era stata fatta o ditta.   A …

Leggi

Donne

da una ricerca di Giovanni Ginobili   Sanseverino da le mura nove, drendo c’è lo giardì’ de le signòre; Sanseverino da le mura basse, drendo c’è lo giardì’ de le ragazze; Sanseverino da le mura belle, drendo c’è lo giardì’ de le zitelle.   Semo de Macerata e semo donne, annamo in guera e non portamo l’arme: semo più forte …

Leggi

Questa la bella piazza

da una ricerca di Giovanni Ginobili   Questa la bella piazza (il palmo della mano), lu lebbre ce passa: quistu l’ha vistu (il pollice), quistu l’ha ‘mmazzatu (l’indice), quistu l’ha cottu (il medio), quistu se l’ha magnatu (l’anulare), e a ‘stu poru piccirillu (il mignolo) gnende, gnende, gnende..   Ndr: Oggi è un po’ truce ma a quei tempi le …

Leggi

Natà’

di Alvaro Norscini   Quandi Natà’ c’è su ‘n calendariu? Li vendicingue de dicembre… unu! Ma nuà’ diferendi unu co’ ‘n addru fèsta assème e… spartiti ogniunu.   C’è lu Natà’ de chi sta sembre sulu sinza gnisciuna più a ghjcurallu… penza a li Natà’ quanno cratura lu core je scallàa un purtugallu.   E lu Natà’ de chi tène …

Leggi

‘Sta crisi e la manovra

Attualissima poesia dialettale di Anna Zanconi   Cendocinguandesimu lu ricurdirìmo ‘ngumingiatu svendolenno le vandiere ‘ché pe’ lu vellu tricolore stravidimo.   Corte, manifestaziò’, discursi vélli l’Italia ‘cclamata da tutti li capucciù’ a scòla puisie dicìa li monélli. Su lo menzo de la festa ‘che co’ non java più lu goèrnu cioppécava e dava segni a un certu pundu s’è ritiratu …

Leggi

Ecco Natà’

di Mariella Marsiglia   Ecco Natà’, sona la piva co’ l’Ici, l’Emu la Res e l’Iva.   Sona Pastore, facce sindì’, dì a li puritti che deve patì’.   Drendo la grotta nasce il Bambino, ce porta gioia poru Frichinu.   Ma sul castello c’è sembre Erode, Re de la Casta, de l’Ici patrone.   Giuseppe ‘ntando amaro te sbotta: …

Leggi

Canto amoroso

raccolto da G. Ginobili   Giovanettuccio, nato di Natale, bisogno non avrai de coje un fiore;   ne porti tanti in quisso bianco viso, l’hi coti a li jardì del paradiso.   A 1 persona piace questo articolo. Mi piace

Leggi

Il canto della mosca

(piccolo onor del mento) di ignoto, 1902   De lu treatu è diputatu; porta la mosca ma ‘dè sbarbatu;   E’ lungu, lungu, ma ‘ssai graziusu, e quanno passa tuttu sciccusu,   la jente dice: Oh! oh! minchioni! Che bella mosca, sor Jentiloni!   Adè ‘na mosca, ‘nu pappaficu, e di’ ‘n se pole che varga ‘n ficu.   Bella …

Leggi

Dispetti

raccolti da Giovanni Ginobili   A Roma ce se vénne la gramàccia, il papa ce fa la tinta roscia, pe’ da’ colore a te, ‘ssa jalla faccia.   E vojo jire a Roma per sempre; trovare la vorrei ‘na nova amante, la vecchja me la levo dalla mente.   A Roma ce se vénne el pepe forte, le donne comme …

Leggi

La scoregghja

di Cisirino   Tutti se ne vergogna, quanno scappa e, de certo, adè ‘na cosa poco vella; ma, pe’ un presémpiu, porca vacca, se tu ci-hai ‘n moccò de turcivudella,   perché hi magnato troppo a crepapella, come poli da fa’ quanno che te se lassa ‘ssa votta pe’ poté’ rescì’ a trattenella? Certo non poli ‘spettà’ che te se …

Leggi

Li trémoti

di Vittorio Emanuele Aleandri, 1887   Che razza de tremoti eh? Nestasia? Io stavo alletto e, addilla qui con te, me sognao d’esse spusa e, ‘n so perché, me sgrullao tutta, non te fo vuscia.   Tutt’un botto me svejo e scappo via da lu letto alluscintra in savijé… vojo fuggià… che adè, che non adè… me sento bbraccià stretta… …

Leggi

Rimpiantu

di Arcangelo Caracini   Si senza core, non me voi più be’; non sei più tu,non sei, quillu d’allora tutti li velli sogni se svapora li sogni che facìo, poretta me!   Eppure quanto bene ce volemo; per te Ninetta tua c’era sortanto… recordete, recordete se quanto jetro la porta suli descorremo.   Me tormentavi per carpì un vascittu… quill’era …

Leggi