Lu core de fra’ Pietro

di Vincenzo Belli   “Oh, cocca vella, va’! do’ te ne vai?” “Va’ va’ fra’ Pietro! vaco a fà du’ panni” “Ma è cose da pijjasse li malanni co stu tempacciu.” “Eppure comme fai?”   “Ma fijete, perdinna, non ce l’ài?” “Gnente fiji, fra’ Pié’: mo edè tant’anni, ma non ze vede manco se li scanni.” “Pazienza, fija mia! non …

Leggi

Lu diputatu

di Giovanni Cicconi Scine, che ‘gnà fà’ ‘ssu diputatu, diascuciu! lo dice su l’affissu che sta ‘n tutti li muri ‘ppiccicatu, ‘n atru brau non se rtròa, cuscì com’issu!   Dice che se per sorte adè vutatu de cose velle ne farrà ‘n abbissu; non sarrà più lu populu spiantatu, e non più magru com’u’ stoccafissu.   Lu vutimo… issu …

Leggi

Lu vecchì’ e lu pretò’

di Antonio Pier Giovanni   U’ ‘njornu (no’ ‘nzapìmo se pperché) davanti a lu pretò’ de Cammirì, fuétte condannatu a mmesi tre lassù de Fiordemonte lu vicchì’. Quarmente je legghiette lo scontà’, se arzò su rrittu e ddesse a lu pretò’: “‘Sta orda drendo me ce manni tu, e la speranza ci ò de rescappà’; ma se te rchiudo io …

Leggi

Lu tresette criticò’

di Enrico Ricciardi Busso! La vita è cara e tutto cresce la Fava, le Cerèscie e li Visélli, nasce sinza fatiga e vvè’ su bélli: cresce la Carne, lo Salato e Pesce; do’ jiarrìmo a ffinì’ se ‘n c’è rripari? Bon giocu: ci-ò tre ddue, mino denari!   Speramo che li nòvi Cunziglieri pozza rrimette a ppostu tande còse, è …

Leggi

La storia de Mènneca e Lardellu

 di Giovanni Ciurciola De soprannome je dice “Lardellu” ardu, adè ardu e adè grossu ‘n frecu, è mbò menghiò’ ma se pò di’ ch’è bellu anghi se ‘n’occhju ce l’ha mbò travécu.   Da tand’anni con Mènneca descore e ammò fra poco se duvrìa spusà’, ma però non ci ha fatto mai l’amore, da ‘mbezzu ‘stu discursu je sta a …

Leggi

Altri tempi

raccolte da Giovanni Ginobili Lo mi’ amore sta ‘n-gima ‘na villa; je mando li saluti de ‘na stella. Con guanda graziétta se li pija!   Non ho troàto ‘n’àrdra condadina più de la mia graziosa e custumàta…. Se la vedèste quanno che camìna, ‘ssoméja a ‘na rijìna ‘ngoronàta! A 1 persona piace questo articolo. Mi piace

Leggi

Pregiudizi, il ragno

di Giuseppe Procaccini Rpuliscénno ‘na stanza te statìa ‘na vecchia serva che tte scuficchiava tunno ‘na cassa donghe se sindìa lu rragnu co’ la mosca che soffiava.   Lu cocu che la vedde che ddacìa ‘na zampata a lu rragnu e lu ‘mmazzava… “Sci fatto – desse – ‘na minghjonerìa perché quillu furtuna ce portava”.   “Tu bbocca donghe dorme …

Leggi

Le foje mesteche

di Lisà de Lurinzittu Jeri so’ ghjtu jò ppe’ lu cambu, adera un bellu pezzu che non ce jào, so’ ghjtu a coje le grispigne e le speràne, du’ bbjtule e du’ cime de rape, du’ piande de rugni e du’ cavulitti; ma vidi ‘m bo’… mango a penzacce c’era anchi du’ piande de smoracce. ‘Na mestecanza ccuscì bbona… addro …

Leggi

Domande indiscrete

di Mario Affede Li fiji, mamma, di’, comme se fa’? Nasce come ghjò ll’ortu la ‘nzalata? O scì ‘n quach’ardru modu, dimme, ma’? …Perché no’ me rispunni? Si stizzata?”   “Me lasci ji? Sta’ zittu ‘n po’ Pasquà!” “O mamma, a Nnina, ma ‘n do’ l’hi troata? Chj tte la dette? Dimmelo, va’ là!” “Ma te la vo’ finì’… l’agghjo …

Leggi

Jìate

di Mariella Marsiglia Jìate a lu mare ‘zzurru, presto jìate, smondate le vellezze der… quatratu: lato A, lato B, linee spezzate che drento pure lu sole c’è ‘bboccatu!   Jìate a lu mare, scì,la Castaè in ballo; sinza pinzieru, tutto comme sembre. Checcosa cambierà? – Ammò fa callo ce pinzirimo scì, ma a settembre.   Ccuscindra mendre voi, signurina, sguazzéte …

Leggi