La mmalletta

di Giovanni Ciurciola   Peppe racconda… Se che gran magnata imo fatto ‘lla orda a la candina! Simo stati a magnà’ menza jornata! Lonza, presciuttu, viru ‘n galandina,   li straccitti, l’allesso, tajatelle, po’ l’arustu de puju e la porchetta e scarciòfini fritti e costarelle e lo vì’? Bono..! ‘llo de la chjaétta!   Che ‘mbanzata, magnèssimo da matti! Tanda …

Leggi

Amore de nonnu

di Urbano Riganelli   Occhi niri, vélli, furbi, piccoletta cocca de nonnu. Miraculu de lu Creatore surisu che te ‘rrìa su lu core. Te coro de jetro, condendu, cioppechènne pe’ l’artrosi. Strilli, te svordi più orde; caschi e non caschi, me rridi. ‘Che orda la filicità se tròa su ‘ste piccole, granni, cose.   A 1 persona piace questo articolo. …

Leggi

Una banda che consuma

di Angelo Cristallini   Più de venti, non erano de certo quelli che co’ i verretti vianchi in testa facéano ‘na specie de concerto a Passatempo, un giorno che era festa.   Un po’ de trombe, quattro clarinetti, piatti, tamburo e cassa, eccoli tutti. Rosci picciati, pe’ sonà’, poretti se liccavano spesso i labbri ‘sciutti.   Chiesi ad un festarì: …

Leggi

La risonanza

di Cisirino   Ci-avìa, quasci da ‘na sittimana, un fortissimu dolore de panza. Lu dottore désse: “E’ ‘na cosa strana! Vesognerà che fai ‘na resonanza!”   Quanno che scappò ello de fori, cuscì, all’impruìsu, tutt’un bottu, le vudelle se turcì pe’ li gran dolori e je scappò un tale scoregghjottu   che facette l’ecu su tutta la piazza. Visto che …

Leggi

Canti d’amore

Raccolti da G. Ginobili   Solo che poverina mi puoi dire… povera di quatrì, ricca d’onore. Povera di quatrì lo sa la gente, ricca d’onore no’ ne sa niente. Povera de quatrì tutti lo sanno, ricca d’onore nessuno lo sanno. Povera de quatrì tutti lo vede, ricca d’onore nessuno lo vede.   *   So’ nata piccolina e sempre allegra, …

Leggi

Blasone su Caldarola

Raccolto da Giovanni Ginobili   Callaròla giocarèllo tutto lo jorno tène conzìjo quanno ‘n-za quer ch’à da fà’ cresce lo vì’ e cala lo pa’, quanno ‘n-za quer ch’à da dì’ cresce lo pa’ e cala lo vì’.   A 1 persona piace questo articolo. Mi piace

Leggi

Lu cunsiglieru nòu

di Giovanni Cicconi   Un Tizu vè da me e se rraccommanna co’ le lagrime all’occhi, a ma’ piecate, se gli daco lu votu che dimanna. De prumiste ne vutta jò a palate…   Po’ a bée e a colaziò’ presto me manna e béta e colaziò’, se sa, è pagate… io loco… panza mia fatte capanna! Eppo’ corro a …

Leggi

La dieta!

di Cisirino   L’artri dice: “Quann’ero picculittu!” Io no’ lo pozzo dì’ che, circa a un annu, me so’ ‘ngrassatu come che ‘n purchittu e quissu adè statu veramente lu dannu.   Da joénottu ‘ncoménzai a fa’ le diete: la ‘nzalata co’ d’ojio appena ‘na goccetta li fenocchi, le carote, ‘na cotta de biete, de pasta quella che rcoje ‘na …

Leggi

Porca paletta!

di Scalabrino   Un tempu jò la Pieve ‘ccanto l’Ete, vivìa don Arvaro, l’arciprete, Antò lu campanaru e sagrestà’ e la serva Viretta de Corfà.   Prete tiratu, che nella cunfissiò’ a postu de la vecchia pinitenza, staccava emmìce ‘na cuntravvinziò’; nella nicissità facìa credenza!   ‘Na vutticella de vì’ cotto stìa su la despenza de la sagristìa, che spisso …

Leggi

Modi di dire

Raccolti da G. Ginobili   Lo vi’, lo pa’ non c’è Nei tempi andati, di miseria, spesso nelle case mancava anche un tozzo di pane e i piccoli, affamati, piangevano. Le mamme, tra scherzo e accoramento, per distrarli cantavano:   Lo vi’ lo pa’ non c’è li frìchi piagne’… Ti prego, o matre pia, de fa’ vinì’ lo pa’ in …

Leggi

La carne è debole

di Angelo Cristallini   ‘Na donna che ‘l marito ‘ncorniciava, dopo avejene messi ‘na carretta, ormai sazia e pentita, non bramava altro che liberasse da la stretta   de lo rimorso, e un giorno col marito volle sfogasse e fa la confessiò e jé disse, con animo pentito, come discorba e giustificaziò:   “La volontà co’ ‘a carne è sempre …

Leggi

‘U dente cariatu

di Giampaolo Ricci   La notte fu tutta ‘na pasciò’ e non troàa ripusu lu purittu pe’ lu dolore che je provocàa un molare cariatu e ormai ‘n disusu. Caminò tutta ‘a notte senza ‘n’attimu de ripusu, maledicènno de vruttu e sovrattuttu quillu tormendu ch’u facìa suffrì come mai prima aìa soffertu. Non c’era versu che putìa troà’ un rimediu …

Leggi

Pudicizia

di Alfonso Leopardi   No, no, non me tocchéte! Oh Dio biatu, Oh Dio, questo ch’adè? che me facéte? Dico de no, dico de no; lasséte! Dico che non se pò, Cristo sagratu!   None, non voglio: scéte un marducatu! Ci sta l’inferno anche per vu’, sapéte? Quanno è perso l’anore… Ve ferméte?… Eppò è vicilia, e allora è più …

Leggi

Li nummiri che vale!

di Cisirino   ‘Gni orda vaco a ghjocà’ la schidina cunvintu de ‘cchjappacce vène. De progetti armanco ‘na jicina su la testa, ‘mpruisati, me vène.   Po’ ppiccio lu tilivisore, guardo li nummiri scappati, pare ceh me se ferma lu core… ma adè tutti quanti sbajati.   ‘Na moje ch’adè ‘n’agnulu custode, li tre fiji ch’adè tre gran tesori, tre …

Leggi

Lu negoziu de Magnì

di Staco Forilemure   Lu negoziu de Magnì c’ha cend’anni e mango pare tutto poli stroà’ llì, cose nòe e cose rare:   cazzarole e cupirchitti, le ciavatte e le solette, li scarpù’ e li ciucchitti, lo sapò’ e le coccette,   li presepi tando vélli, lu ghuinzaju pe’ lu cà’, chiodi, lampade e martélli, preti, mònneche e callà’!   …

Leggi

Rotta rotta ma’

Raccolta da Giovanni Ginobili   Rotta, rotta ma’, e la zamba de lu ca’, e la zamba dell’agnellu, rotta la ma’ de lu fiju véllu, rotta la ma’ de ‘stu monéllu.   Cantilena di una mamma mentre gioca delicatamente con un braccio del bambino     A 1 persona piace questo articolo. Mi piace

Leggi

I contadini di adesso

di Giuseppe Procaccini   Se rvènesse, presempiu, lu villà’, de quilli antichi e cche vvedèsse addè li compagni a la festa a spassegghjà’ e gghj ppe’ le cantine e li caffè…   li vedèsse rvistìti comme va, co’ li purzì’ e ccamiscie de setè, li cappelli de prima qualità e ccerte scarpe fatte per vedé’…   cridi, fratellu, se jarìa …

Leggi

Non portava le mutanne

di Cisirino   Era ‘na donna vèlla, su la trindina, co’ ‘n corpu che parìa scurpitu. ‘Nzomma, ‘na po’ po’ de signurina che ‘gni occhju d’omu avrìa curpitu.   Ma su de essa c’era ‘na dicirìa e, sotto sotto, lo discorre è granne, l’atre donne, mormorenne, dicìa… che essa non portava le mutanne!   Un ghjornu ‘na commà’ più sfacciata …

Leggi

Lu cannò

  Quilli de la Pénna, che statìa sempre in guerra co’ quilli de lu Guardu, saputo che era statu ‘mmendatu lu cannò, je pijia la vòjia de fallu, pe’ vègne ‘a guerra. Ditto e fatto: pijja un sammucu, lu rpulisce perbène, lu tègne de niro, lu prepara e lu carca; tutti rradunati èllo vicino pe’ gustasse mèjjo la scena… e …

Leggi

Li cazzulù de la Pénna

di Mario de Rongò   Se dicìa per provèrbiu a chj facìa ‘na cosa sbajata pensènne de èsse bràu e bbirbu tando: “Si probbio comme li cazzulù de la Pénna!” E se cuminciàva a rraccontà, rridènno, una dopo ‘n’atra, quélle scandafaole, ‘ngumingènne da quella che se rrecconfrondava de più co’ quella scemenza che era stata fatta o ditta.   A …

Leggi

Donne

da una ricerca di Giovanni Ginobili   Sanseverino da le mura nove, drendo c’è lo giardì’ de le signòre; Sanseverino da le mura basse, drendo c’è lo giardì’ de le ragazze; Sanseverino da le mura belle, drendo c’è lo giardì’ de le zitelle.   Semo de Macerata e semo donne, annamo in guera e non portamo l’arme: semo più forte …

Leggi

Questa la bella piazza

da una ricerca di Giovanni Ginobili   Questa la bella piazza (il palmo della mano), lu lebbre ce passa: quistu l’ha vistu (il pollice), quistu l’ha ‘mmazzatu (l’indice), quistu l’ha cottu (il medio), quistu se l’ha magnatu (l’anulare), e a ‘stu poru piccirillu (il mignolo) gnende, gnende, gnende..   Ndr: Oggi è un po’ truce ma a quei tempi le …

Leggi

Natà’

di Alvaro Norscini   Quandi Natà’ c’è su ‘n calendariu? Li vendicingue de dicembre… unu! Ma nuà’ diferendi unu co’ ‘n addru fèsta assème e… spartiti ogniunu.   C’è lu Natà’ de chi sta sembre sulu sinza gnisciuna più a ghjcurallu… penza a li Natà’ quanno cratura lu core je scallàa un purtugallu.   E lu Natà’ de chi tène …

Leggi

‘Sta crisi e la manovra

Attualissima poesia dialettale di Anna Zanconi   Cendocinguandesimu lu ricurdirìmo ‘ngumingiatu svendolenno le vandiere ‘ché pe’ lu vellu tricolore stravidimo.   Corte, manifestaziò’, discursi vélli l’Italia ‘cclamata da tutti li capucciù’ a scòla puisie dicìa li monélli. Su lo menzo de la festa ‘che co’ non java più lu goèrnu cioppécava e dava segni a un certu pundu s’è ritiratu …

Leggi