“Dicerie popolari marchigiane”

Notizie vere, curiose e divertenti raccolte da Claudio Principi   I “buffi”, argomento attuale…   Vuffu, un po’ ovunque, è detto il debito e questa voce nelle Marche sembra derivata da un episodio riferito a un tale il cui nomignolo era Vuffu (Buffo). Si narra che costui fosse un tipo spassoso, incline a condurre una vita spensierata al di sopra …

Leggi

Toh! Va’ chi c’è!

Quant’è picculu lu munnu!   I nostri vecchi, quando incontravano una persona che abitava in un paese lontano, dicevano: “Quant’è picculu lu munnu!” Dunque… ero un ragazzotto ventenne quando la scuola ci portò in Germania per una gita d’istruzione, a vedere una grossa azienda agricola, su nel nord. La prima notte dovevamo fare tappa in un albergo a Monaco.   …

Leggi

Lu tesorettu dell’italiani

di Alvaro Norscini   Ogni famiglia, qui in Italia, ha il suo “tesoretto”. Così almeno dicono gli economisti… Oggi, in realtà, c’è chi, per mangiare, si è impegnato il “tesoretto” di famiglia, vendendo pure la catinina de la prima cumuniò’! Quasci quasci ce pròo pure io… perché duvrìo fa’ lu pienu su la Panda ma, accidenti!, m’è ghjta male. A …

Leggi

Quando vedevamo i mostri…

Il parallelo tra allora e oggi è d’obbligo   A volte mi soffermo a pensare… come mai tante persone perdono il loro tempo a vedere trasmissioni stravaganti e stupide come “Il grande fratello”, “C’è posta per te” o altri dove una donna riesce a far litigare due uomini, quasi certamente pagati per comportarsi così, con il giudice che, poi, dà …

Leggi

“Dicerie popolari marchigiane”

Notizie vere, curiose e divertenti raccolte da Claudio Principi   Il fratello della serva A servizio come domestica presso una facoltosa famiglia vi fu Teresetta, una procace contadina. Costei era povera di educazione ma ricca di temperamento sicché distribuiva con facilità le sue grazie ai maschi che si accendevano di desiderio per lei. C’erano difficoltà ad avvicinarla essendo sempre impegnata …

Leggi

Notizie vere, curiose e divertenti

tratte da “Dicerie popolari marchigiane” di Claudio Principi   La “Maglia Rosa” Anni ‘30, passa il giro d’Italia tra una folla entusiasta e il corridore più ammirato e applaudito è quello con la Maglia Rosa, il primo in classifica. Gìgio de Cirià, giovane muratore, sposa Tèta de Millo, la bella serva di sòr Marino. Gli sposetti, rimasti finalmente soli, si …

Leggi

Lu sarda martì

Da una ricerca di Giovanni Ginobili     Un gioco d’altri tempi era il “salta Martino”. Si prendeva mezzo guscio di noce; intorno, nella parte più stretta, veniva avvolto per due volte un filo.   Poi, nella parte aperta del guscio, tra i due fili s’infilava un pezzo di fiammifero di legno che veniva girato in modo che tendesse a …

Leggi

Dialogo contadinesco

Da “Dicerie popolari marchigiane” di Claudio Principi    “E’ nnòtte, come ffai a fatigà’? Perché no’ llassi jì?” “Ah, io ce véco l’istésso, perché magno ll’erba.” “Come sarrìa a ddì’?”    “Chji magna ll’erba ci-ha la vista vòna, no’ lo sai?” “Ma va là!” “Te pare che ddico cojonerìe? Embè, tu l’hi vista mai ‘na pecora co’ ll’occhjali?”     …

Leggi

Manutenzione stradale

Da “Dicerie popolari marchigiane” di Claudio Principi   Così disse Framì d’Argèndo, (Flaminio De Luca) vecchio contadino montolmese, poco prima della sua morte: “Tra tutte le strade, quella che la Cummuna tène più in ordene adè quella de lu Cemetèriu, per mòdu che tutti ce pòzza jì’ ccòmmidi e volendiéra”. (Tra tutte le strade quella che il Comune mantiene più …

Leggi

Nonna mia facìa le tajatelle

Antica tradizione maceratese   A dillo cuscì pole paré’ ‘na menchjonarìa… e che sarà a vedé’ ‘na donna che prepara la perna pe’ le tajatelle!? Embè… dopo tanti anni, io me lo recordo ancora! Adera ‘na gran festa, quasci ‘na celevraziò’ solenne.   La mattora e lu corvellu Nonna pijava da la mattora lu sacchittu de la farina, ne tirava …

Leggi

Notizie vere, curiose e divertenti tratte da “Dicerie popolari marchigiane”

Di Claudio Principi   La carestia a Montolmo   Sòr Andò, un proprietario terriero di Montolmo, uomo corpacciuto, ben nutrito e piuttosto arrogante, chiamò a casa sua un muratore per qualche piccola riparazione. Arrivò Gìgio de Squinquì, un ometto magrissimo dall’aria sparuta ma che ben conosceva il suo mestiere. Gìgio aveva simpatie comuniste ed era di carattere aggressivo. A vedersi …

Leggi

“Dicerie popolari marchigiane”

Notizie vere curiose divertenti a cura di Claudio Principi   E’ sardata la corènde! Durante una serata tra amici artigiani passata a giocare a sette e mezzo ci fu un violento temporale. Caso volle che mancò la luce quando uno dei presenti, per sottolineare una sballata al gioco, facesse un gran peto. Qualcuno nel buio commentò: “Se ssi furmenatu la …

Leggi

Il senso civico: che roba è?

Quale esempio dai genitori ai figli?   Accompagno le figlie a scuola e penso che invece di potenziare i servizi pubblici in questa città si continua a parlare di nuovi parcheggi! Inizia l’avventura: A) primo ostacolo: il “Palace”, qui bisogna fare i conti con quei genitori che non sanno che dopo “Porta Convitto” c’è un parcheggio e i figli potrebbero …

Leggi

La serenata

Una romantica vicenda accaduta pochi giorni fa, a Macerata Domani la sposerà e questa notte le farà la serenata. Lui è un mio parente stretto, lo conosco da una vita, praticamente dalla nascita. Ha bisogno di stemperare la tensione e così facciamo due chiacchiere. La sposa viene da lontano e lui le ha trovato alloggio dietro lo Sferisterio, con vista …

Leggi

Notizie, vere curiose divertenti

 tratte da “Dicerie popolari marchigiane” di Claudio Principi   Il pranzo dello sciancato Montolmo, giorno di mercato, un mendicante sciancato aveva lo stomaco che rognecava (brontolava per la fame) per cui fermò un certo Ciupì chiedendo: “O quill’òmu, me poli dì’ do’ pozzo jì a mmagnà’, ma a spènne ppoco, non più de du’ lire, dico.” Ciupì, premuroso: “Vanne llà da …

Leggi

Tu a mi fiju non te lu spusi! Chiaro?

Una storia realmente accaduta   In vista del matrimonio, il figlio riempiva i sacchetti con il riso da distribuire ai parenti e agli amici. La madre sbottò: “Io, dentro a ‘ssi sacchitti ce mittirìo li sassi da tirà’ a mojeta!”. Basta questa uscita maligna per capire quale atmosfera potesse regnare in quella casa. La futura suocera non sopportava la futura …

Leggi

Una nuova qualità di fichi

Notizie, vere curiose divertenti, tratte da “Dicerie popolari marchigiane” E’ settembre e sull’aia alcune contadine con lu sgranarolu (punteruolo) stanno sgranando a mano il granturco, arriva ll’oà (l’ovaiolo e pollivendolo) che dice: “Bella ‘ssa pianda de fichi, e quandi ne pòrta! Ne pòrta tandi anghi de quella qualità che ppiace a mme” (bella quelle pianta di fichi, e quanti ne …

Leggi