La telefonata in redazione

Da Sforzacosta: “Per favore, al Comune, diteglielo voi!”   E noi glielo diciamo! Ci ha telefonato una signora di Sforzacosta ormai rassegnata ai cattivi odori del Cosmari ma comprensibilmente preoccupa per le emissioni del camino dell’impianto. Come tanti non si fida dei rilevamenti fatti dall’Arpam. “L’Arpam – ci ha detto – è della Regione e il Cosmari è continuamente finanziato …

Leggi

Panchine a mezzo servizio

Corso della Repubblica: un’attesa durata tanti anni Concorso d’idee per l’ornato pubblico. Che robba è? Dopo le panchine a forma di fagiolo in pura plastica (quelle dei Puffi) queste sono già meglio anche se a Macerata ‘na cosa intera no’ je la fa’ mai a falla: pure le panghine l’ha pijate a… metà!  

Leggi

Na legata e tira a campà’!

Sulla via di collegamento tra ParkSì e ascensore è di moda l’empirismo L’arte dell’arrangio ha caratterizzato per decenni l’Italia e sono entrate negli annali dei detti le frasi: “Se tène co’ lo sputo” – “L’ho legatu co’ ‘n pizzittu del fil de fero” – “Ci-agghjo misto ‘na fiecca” – “Mittéce ‘na pezza”. Nel sottopasso la canaletta si è staccata e …

Leggi

La strage dei paletti

Sotto viale Puccinotti, in una piccola via senza nome, è un gioco al massacro   Continua la strage dei paletti, quelli grossi di fuori e fresconi di sotto, nel senso che sono ancorati a terra con una pedicina piccola e cava. In questo tratto di strada ne mancano cinque (quattro in foto e un altro fuori inquadratura) che non sono stati …

Leggi

Tommaso Campanella

Uno spirito libero, I puntata   Giovanni Domenico Campanella nacque a Stilo, Reggio Calabria, nel 1568 e morì a Parigi nel 1639. Fu dotato di un’acuta intelligenza e di una vivacità di carattere tutta meridionale che sin dalla giovane età lo spinsero spontaneamente a investigare la natura in cui era immerso e a sperimentare le umane possibilità di rivelare i …

Leggi

Metodi di cura naturali

Artiglio del diavolo Harpagophytum procumbens   Viene utilizzata la radice secondaria per curare reumatismi, artrosi, artrite e tendinite.   Le radici dell’Artiglio del diavolo sono ricche di glucoiridoidi (arpagoside e procumbide) dalle attività antinfiammatorie e analgesiche che le rendono efficaci nella cura di artrosi, reumatismi e di altre manifestazioni articolari dolorose. L’uso di questa pianta allevia i dolori e migliora …

Leggi

E’ ‘na pietanza che non se còce…

Rinviata la discussione sulla vendita della Smea al Cosmari, nuovo scenario, possibili soluzioni   Quando le cose non vanno lisce non bisogna insistere e forzarle perché, tanto, non andranno a buon fine. Così è per la trattativa di vendita Smea – Cosmari che, fin da subito, ha trovato una infinità di paletti lungo il suo percorso. Certo, il Sindaco ha venduto …

Leggi

Strisce bianche e blu

di Guano di Piazza   Riccardo (Sacchi) cuor di leone sfida l’Urbani a singolar tenzone la lotta è al campo de’ parcheggi tra urla tante e pur’assai dileggi.   L’Urbani si difende, poverello ma tutti menan colpi da macello, non arretra l’assessor, mai lasso, e arrivan colpi alfine pure in basso!   Quale il motivo di tale accanimento a scatenar …

Leggi

Due siluri gemelli non affondano Carancini

Mozioni di censura in Consiglio comunale generano solo tanta confusione tra legge, etica e morale   Non vi stiamo a raccontare tutta la storia che tanto l’avrete già appresa dai quotidiani, on line e non. Mettiamo, al solito, la nostra “nota a margine”, che poi tanto a margine non è. Romano Carancini, difendendo (a termini di legge) sei collaboratori dell’Apm …

Leggi

La scuola di via Panfilo

Tutti d’accordo con Francesca D’Alessandro   A volte la ragione prende il sopravvento sui sofismi della politica e così è accaduto che Francesca D’Alessandro ha messo tutti d’accordo sulla vicenda della scuola di via Panfilo. D’altra parte i rilievi tecnici lasciavano poco spazio alla fantasia: pilastri molli e tetto pesante, cemento di scarsa qualità e, soprattutto, un terzo dello stabile …

Leggi

Pensieri di un padre di famiglia

Una storia sindacale Quanto male facciamo a noi stessi! Un male causato da ignoranza e pregiudizi infantili che, coltivati nel tempo, ce li ritroveremo addosso come forti concetti di vita in età adulta. Questa storia non mette in discussione prese di posizioni, libere scelte dettate da convincimenti ma anche condizionate da paure e fobie per un futuro incerto e precario. …

Leggi

Peppe & Gustì

La chjacchjerata delle lenguacce de la verità su fossi, strade, marciapiedi, cimitero e topi di fogna   Peppe: “O Gustì… dimme ‘n bo’, tu ce l’hai lu fossu?” Gustì: “Lu fossu? Che fossu? Io ci-agghjo ‘na fossa… scì, dentro le saccocce che più centesimi ce metto e più rmane sgute!” Peppe: “E no’ scherzà’ sembre! che adè ‘na cosa seria!” …

Leggi

Robin Hood e le strisce blu

Il mondo va a rovescio? e i politici si adeguano: tolgo poco ai tanti poveri per dare tanto ai pochi ricchi   Cassa! cosa si fa per te…Ormai è chiaro che quella dei 39 euro di multa a chi non espone lo scontrino è solo una operazione per fare cassa a danno dei cittadini. Il Codice della Strada prevede le …

Leggi

Sacro Fuoco

di Matteo Ricucci Assorto la danza ammiro delle fiamme nel camino. Il silenzio della casa ingigantisce il bisbiglio della legna che par mi dica: “Lascia che la tua anima, su per la cappa del camino, le mie scintille insegua: per antica consuetudine, esse il sentiero percorrono che al Sacro Fuoco mena.”

Leggi

Davanzale

di Gian Mario Maulo Volti in amore i girasoli nei campi di tinte abbacinati,   un grappolo di note in volo sul pentagramma di vigne ed uliveti,   macchie di vita inebriate il davanzale di borghi e di colline.

Leggi

Settembre, profumata bellezza

di Franca Petracci (da: Poesia del Tempo, versetti angelici per bimbi dolci e pensierosi) Venite qui, bambini, guardate i settembrini,   le dalie e gli astricelli, ma quanto sono belli!   Le ridenti verbene ma quante aiuole piene!   Gustate le giornate di Settembre, assolate,   l’uva e le dolci pesche, le sere, già più fresche.   Un bacetto ai …

Leggi

La chiave

di Gaggiotti Giuliana (Sarnano, 17 Agosto 2011) Dedicata a Giuseppe Ho gettato decisa nel pozzo dell’oblio la vecchia chiave spuntata delle occasioni perdute, dei brutti ricordi. I coniglietti delle mie paure, brucata l’erba sul prato della speranza, dormono pacifici all’ombra dei tigli. La pace dello spirito vola alta su ali di colomba. All’orizzonte il sole girasole illumina ogni angolo della …

Leggi

E’ stato sempre così

di Mario Buongarzoni E’ stato sempre così! Una finestra spalancata all’alba sul volo dei gabbiani e il mare rigato dalla rotta de le barche, nell’attesa di un sole che stentava ad uscire dalle nubi.   E’ stato sempre così! Giorni che volavan via con le lacrime più grandi dei nostri occhi alla ricerca di un’estate di consolazione.   E’ stato …

Leggi

Li focaracci

di Lisà de Lurinzittu Prima a le tradiziò’ ce se guardava e se rispettava per daéro. Se cumingiava la matìna presto a ghj rcojenno su le fraschette, se rpulìa ‘ttunno li pajà’ e se facìa ‘n bellu mucchju ‘m bo’ lontano de casa, su lo laoràto. La sera avanti de la Madonna de menz’agustu, de Sa’ Gnulià’ e della vinuta …

Leggi

Lu core de fra’ Pietro

di Vincenzo Belli   “Oh, cocca vella, va’! do’ te ne vai?” “Va’ va’ fra’ Pietro! vaco a fà du’ panni” “Ma è cose da pijjasse li malanni co stu tempacciu.” “Eppure comme fai?”   “Ma fijete, perdinna, non ce l’ài?” “Gnente fiji, fra’ Pié’: mo edè tant’anni, ma non ze vede manco se li scanni.” “Pazienza, fija mia! non …

Leggi

Lu diputatu

di Giovanni Cicconi Scine, che ‘gnà fà’ ‘ssu diputatu, diascuciu! lo dice su l’affissu che sta ‘n tutti li muri ‘ppiccicatu, ‘n atru brau non se rtròa, cuscì com’issu!   Dice che se per sorte adè vutatu de cose velle ne farrà ‘n abbissu; non sarrà più lu populu spiantatu, e non più magru com’u’ stoccafissu.   Lu vutimo… issu …

Leggi