Cippe e Ciòppe e le nùce tassate

Print Friendly, PDF & Email

A cura di Filippo Davoli e Fernando Pallocchini

 

cioppe

 

Ciòppe: “La voli ‘na nuce? Ce l’agghjo da parte da un mese, sa… prima li camion che sciopera, e ppò’ tutta ‘ssa née…”

Cippe: “E dammela mbò… tando, co’ tuttu ‘ssu casì che vva facenne tutti quandi, llu poru letargu nostro adè jitu… in letargo!”

Ciòppe: “Ah, perché tu vulìi pure durmì? E comme ffai, co’ tutti ‘ssi penzieri che ce ficca su la testa?”

Cippe: “Ci-hai porbio rajò: pija a Mario Monti, per un presembiu. Solo nuandri lo putimo capì’ quillo c’ha ditto, perché passimo sembre da ‘na pianda a ‘n’atra, non c’imo un postu fissu… non c’imo la vita monotona, me capisci? Jimo zompettènne de qua e de là! E se sta tando vène… che vorrà ‘ssi cristià’ co’ ‘ssu postu fissu?”

Ciòppe: “Scine, ma allora… perché le nuce tocca a dajele lo stesso, anghe se non c’imo la pianda fissa?”

Cippe: “Ma quessa è ‘na faccenda che riguarda l’ommini, perché l’uomo fisso è un poco fesso… se non è fisso è ancor più fesso e da li sordi va sdemésso!”

Ciòppe: “Fatto sta che a l’ommini je tocca a ffà ccuscì e a noandri pure; va vène solo a li vicinati nostri”

Cippe: “A chi te riferisci, scusa?”

Ciòppe: “A li tassi! Loro le tasse mica le paga! E guarda mbò che belle tane, che ci-ha…”.

Cippe: “Scì, so’ d’accordu ma va vène pure a ‘n’antru tipu de tassi..”

Ciòppe: “E qualu sarìa?”

Cippe: “Lu tassu vangariu, che co’ Monti ce va d’amore e d’accordu! Guarda un po’ comm’ha spellato ll’italiani pe’ judà’ le vanghe… de la serie: penzo per me… e pe’ ll’atri dopo! se ci-ho tembu, se me ne va e soprattutto se me conviene!”

Ciòppe: “Dimme mbò… non putimo fa ‘n’invasiò su le tane de ‘ssi tassacci e frecaccène una? Ccuscì ca-pace pure che jò sotto ‘na pennichella je la facimo a faccela!”

Cippe: “Adè più facile a disse che a fasse, perché ‘ssi tassi vangari adè ‘na corporaziò che non solo non te ce fa bboccà, dentro le tane, ma te taja pure li funni se je dai fastidiu… e cuscì, sinza funni, te manna a funno!”

Ciòppe: “Sta a sindì, a me me pare che anche se non je ruppi li minghioni, quissi te roppe a tte lo stesso. Non sindi un rumorino strano?”

Cippe: “Non sendo cosa… sarò surdu?”

Ciòppe: “Non sindi a fa cri-cri?”

Cippe: “E che sarìa?”

Ciòppe: “Adè sembre lu vicinatu… lu tassu… ce sta a rosicà la pianda!”

Cippe: “Eh ma deve sta attendi, perché ccuscì je rcasca tutto sopre!”

Ciòppe: “Sci sci, intando però roseca e ce fa… rosecà!”

Cippe: “Ma te pare justo a te che si un filosufu che ll’italiani ha votato a tutta quella jende ch’è jita su pe’ governà lu Paese: quissi non je l’ha fatta, s’adè scanzati e c’ha misto a ssu Monti che non c’entrava cosa. Ammò me domanno e dico: ma se non è stati capaci, invece de condinuà a pijà li sordi, perché non s’adè leati da li cojoni?”

Ciòppe: “Ma quanto sci polemicu, oh! Eppò secondo me te ncazzi tando perché lu votu je l’hi dato tu! Io stavo a magnà per cundu mia… che vaco a votà a quissi? E mmò te li teni, coccu mia! E quissi mica cala jò! Tu caliristi da la pianda quanno jò ssotto ce sta’ quilli che te ‘spetta pe’ fasse ‘na pelliccetta co’ lo pilo tua? None! Ecco qua: mango issi cala jò. Però… attendi a la parola de lu filosufu… succede un fattu curiosu: loro non cala jò e la pelliccetta però se la fa loro co’ lo pilo tuo che li stai a ‘spettà de sotto! Capito quant’è birbi?”

Cippe: “Sci, issi è birbi, però ce sarìa da cambià’ la legge. Perché su ogni azienda, se un dirigende la manna in passivo mica ce ne mette un addru e a quillu che ha sbajato se lu tène per condinuà a daje lu stipendiu! Lu licenzia! Bisogniria fa’ na legge che non dico che deve rdàcce li sordi se fa li danni (sarìa troppo lusso, per nuà), ma armeno jèsse a ccasa!”

Ciòppe: “E brau, sta ota c’ì rajò! Ma che, solo a quilli de Roma li rmannirìsti a ccasa? No, vojo dì, c’ì penzato a le conseguenze?”

Cippe: “Che vurrìsti dì?”

Ciòppe: “Vojo dì che se quilli va a casa… rvène a ccasa! O ‘n gorbu, e non ce rbasta quilli che ghjà ce sta?”

Cippe: S’è per quesso, ce ‘vvanza!”

Ciòppe: “Ecco. Allora, su ‘ssa legge sacrosanta che voli fa, ‘gna scrìece de mannalli a lu confinu o, mejo pu-re, all’esteru!”

Cippe: “Mannimoli in Cina, ccuscì eliminìmo la concorrenza economica internazionale! Je se magna tutto lo riso… e li lascia co’ lu piandu…”.

Ciòppe: “Mannìmoce pure li nostri, ccuscì se pòle dedicà n’andro pochetto a Padre Matteo Ricci: a Carangì lu facimo capu spidiziò’… la Manzi non ci-à un sòrdu, ma je putìmo combrà lu vijettu de sola andata, tando dopo llà adè pieno de riso, essa rride sembre… vedérai che ce se ttròa vè! Canesin co’ li cinesi ce sta vè, tando adè tutti picculitti… issu se occupa de le piccole cose… la Monteverde ci-ha un mijiardu de puritti… hai voja a daje, co’ li sirvizi sociali! Urbani se pòle scatenà co’ li risciò e le vriciclette… sai quande murde… e l’urbanisti je costruisce tutti parchiggitti picculi pe’ le vriciclette!”

Cippe: “Scì, ma vasta a parlanne sennò li cinesi, che ci-à le recchje pure de jetro, mango li fa entrà, in Cina e ce li rmànna co’ l’interessi”.

Ciòppe: “E dopo stimo per daéro nella… neve!”

Cippe: “Basta co’ ‘ssa née, per carità, che ‘st’anno ci-ha coperto! E siccome quissi non è mango vòni a spazzà’ la née, duìmo ‘spettà’ l’anticu proverbiu…”.

Ciòppe: “Qualu sarìa?”

Cippe: “Dio fa la née… e ppò’ la struje!”

cippe

 

A 3 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti