Frantumi di ricordi

di Angela Catolfi   Scorci di paese da stanze silenziose in cui rivivono pagine d’almanacchi dimenticati.   Da rughe d’intonaco torna il vociare domestico, il sapore di latte e biscotti inzuppati, la carezza di mani amate dall’odore d’erba falciata. A 11 persone piace questo articolo. Mi piace

Leggi

Nebbia

di Angela Catolfi   S’alza indisturbata la nebbia, addensa barriere fumose mutando profili velati in un polverio di oniriche parvenze.   Poi, volubile, s’allontana in pennacchi arruffati, in migliaia di grinze evanescenti al più lieve insinuarsi del vento.   Silente tralascia un vuoto imprevisto, un brillante arco di cielo inclinato su trame di campo: singolare chiaro di luce, come sguardo …

Leggi