È l’ultimo giorno dell’anno, suona un flauto di canne, osservo…“Dalla mia finestra”

Print Friendly, PDF & Email

Dalla mia finestra / il silenzio a coglierne / il risveglio d’antichi dolori. / Sussurri eterei d’orizzonti / a polveri di morte / e mendico l’infinito / in un flauto di canne.

Mauro Ruzzu

31 dicembre 2020

Sii il primo a dire che ti piace

Commenti

commenti