• Spazio pubblicitario disponibile

Vuoi associarti?

‘Ndo’ te rgiri sinti dì’ “li diritti?” / E quillu… “Sarìa ora passata”

Print Friendly, PDF & Email
Poesia dialettale di Roberto Spaccesi pubblicata sul mensile “La rucola” n° 250
parcheggio sulle strisce pedonali

‘Ndo’ te rgiri sinti dì “li diritti?”

“E quillu non ci-ha dirittu de jì via?”

“S’adè fidati a voce? Puritti!”

“Scansete! Quistu adè lu postu mia!”

 

E po’: “Io ci-ho diritto de fadigà’”

“Me fermo su le strisce du’ minuti

tando a piedi chi dovrà da passà!”

“Fuma e butta de fòri, che stuti!”

 

Rmanimo scandalizzati a sintì

‘ssa jende marducata che no’ ‘scòrda,

po’ sta a te la cosa justa da dì

e scappi: “Va ve’ daje pe’ sta òrda”.

 

No’ coccu mia, non funziona suscì

li “diritti” tua finisce donche

cumincia quilli de Francè, o Gustì

che è uguali paro paro a te.

 

Te veco che fai scì co’ la testa

come ‘na vanderola a li venti,

è ora che “non adè sempre festa!”

e ci statimo co’ li sentimenti.

 

E se l’addri lo fa… che te ne frega

cerca de dallu tu l’esembiu grossu

faje capì che l’educazio’ lega

e li doveri no’ sta jó lu fossu.

 

Non ce fa tando commedo “dovere”

che significa che te dei da ‘mpegnà

non adè sembre formaggio e pere

la via è lunga, non poli tajà.

 

Tre cose dei tené’ sembre a mende

Quello de tutti è anghe lo tua

non te ‘ncazzà, sì anghe tu “la jende”

l’educaziò se fa, non se mintùa.

 

E se non te da proprio retta gnisciù

sgagghieje a tutto, ‘na cannonata

daje, forza, cumincia anghe tu

perché qui sarìa ora passata.

Roberto Spaccesi

18 maggio 2019

A 11 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

Statistiche

  • 4.721.487