• Spazio pubblicitario disponibile

Vuoi associarti?

La chjacchjerata de Peppe e Gustì: tra Luca e Romano…

Print Friendly, PDF & Email
Chi è al comando e strada facendo ne combina… deve sempre aspettarsi una battutina
luca e romano

Peppe: “Ahó, amicu mia, tu lo sai qual è il colmo pe’ lu governatore de le Marche Ceriscioli?”

Gustì: “No, no lo saccio! Dimmelo tu…”.

Peppe: “Pe’ lu rusciu Ceriscioli il colmo adè indossà’ la maja nera!”

Gustì: “La maja nera? Che maja nera?”

Peppe: “Adè quella che porta l’urdimu classificatu su le vicicrette… e issu è ‘rriàtu urdimu su la classifica de li presidenti de le Regioni!”

Gustì: “Ahahahah… ghjusto…. co’ le vicicrette… adesso capiscio perché vòle fa’ tutte ‘sse piste ciclabili… se vòle ‘llenà per no’ rrigà più urdimu!”

Peppe: “Un pó, sai che c’è? Che co’ ‘ssa faccenna de li ospedali unici, unu pe’ pruvingia, co’ le prenotazió’ che va a la longa l’anni, che fai a tembu a murì, e che te manna a visitatte a cendo chilometri da casa… la jende no’ lu pòle vedé’ più!”

Gustì: “Ma… sai… sicunno me… visto che vòle fa’ trenda sarrìa mejo che facèsse trinduno…”.

Peppe: “Cioè? Che vóli dì’?”

Gustì: “Che ‘ss’ospedali, immece de fanne unu pe’ pruvingia, che li sindaci fa tutti cagnara pe’ pijassulu… ne duvrìa fa’ unu sulu pe’ tutta la regione: in Angona!”

Peppe: “Ghjusto, cuscì resparambia, nuaddri non ce pinzimo più, se ce conviene ce ghjmo a curà in Angona sennò… sai che te dico? Tanto prima o dopo duvimo murì… e se la ghjesse tutti a pijà’ in saccoccia!”.

Gustì: “Veramende… in quistu casu chi se la pija in saccoccia (pe’ non dì’ ‘nderculu) simo nuaddri…”.

Peppe: “Va vè’, cambimo discursu che, tando, quessa è ‘na fava che non se còce…”.

Gustì: “Ma scì, che è mejo… ma dimme ‘n bó’… tu che sai sembre tutto… com’adè ‘ssa faccenna de Carangì?”

Peppe: “Quale? Me devi specificà’ perché lu scinnicu de Macerata ‘gni tando ne cumbina una…”.

Gustì: “Ma ‘ssa faccenna de li sòrdi che duvìa dà a lu partitu sua… che je l’ha dati ma no’ tutti”.

Peppe: “Adè che lu partitu vòle ‘na percentuale su l’incassi e lu scinnicu ha portato checcosa in detrazzió’, come se fa pe’ le tasse pe’ pagànne de meno ma a quilli non j’è stato vè’ e l’ha missu in croce!”

Gustì: “E che gorbu! Pure issu ci-ha ‘na famija da mandené… tutti fa ‘n bo’ de scondu: lu statu te fa fà le detrazzió’, lu commerciande te lèa quarche cosa, li supermercati te fa lu tre per due… e lu partitu gnende? Ma in che munnu vive quissi!?”

Peppe: “Eh… sai, li partiti ci-ha sembre meno iscritti perché la jende s’è rotta le… scattole, ma deve da tené’ in piedi le segreterie cumunali, pruvingiali, regionali e nazionali e je costa… e allora dice: io te so misto lì, tu ce guadambi e, a me, me devi rdà checcosetta”.

Gustì: “Ahó! Se a lu partitu je deve dà’ la percentuale… la deve dà’ pure a nuà che, pe’ fallu sta lì, l’ìmo votatu!”

Peppe: “Quasci che ci-hai rajó… ma io no’ je pozzo chiede gnende: no’ l’agghjo votatu!”

Gustì: “Mango io! Peppe… simo rmasti frecati!”

Guano di Piazza

14 giugno 2019

A 9 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti

Partner istituzionali

Statistiche

  • 4.876.041