A lu gattu mia je manga la parola / me guarda co’… “Lu gattu mia”

Print Friendly, PDF & Email

A lu gattu mia je manga la parola

me guarda co’ l’occhj spalancati

se rémbio la ciotola le zambe je vola

lu musu e li vaffi tutti ‘ddirizzàti.

 

E certamente adè ‘n gran furbacchjó’

me la fa fina per avé’ quello che vòle

lu carattere sua non è da cojó

me se struscia su li porbacci più che pòle.

 

Spisso lu musu sua ‘ccosta a lu mia

me solletica la guangia sinza ‘nteruzzió’

io de sicuro no’ lu caccio via

ho capito troppo vè’ le sue ‘ndenzió’.

 

Quanno je dico: “È ora de la ciccia”

sculetta e sardella comme ‘n grillu

uguale comme s’aéssi ‘cceso ‘na miccia

pe’ ‘l’occhj mia adè sembre più béllu…

Anna Zanconi

17 novembre 2019

A 2 persone piace questo articolo.

Commenti

commenti